Stampaggio ad iniezione

Lo stampaggio a iniezione è un processo di produzione industriale in cui un materiale plastico viene fuso (plastificato) e iniettato ad elevata pressione all'interno di uno stampo chiuso, che viene aperto dopo il raffreddamento del manufatto ed il particolare viene estratto attraverso l’azione meccanica di un meccanismo di estrazione.

Presse da 18 a 400 Tonn. tecnologicamente avanzate e corredate di moderne attrezzature. Presse Costampaggio 2 Staz-. Camera bianca medicale - Deumidificatori


Lancette monoso per prick test

Dispositivo medico monouso progettato per test epicutanei per la diagnosi di stati allergologici, che eviti la possibilità di reazioni crociate ed eventuali infezioni possibili i con i dispositivi multiuso(lancette in acciaio riutilizzate per più di un test)

DISPOSITIVO MEDICO DI CLASSE 1 S ISCRITTO REPERTORIO MINISTERO DELLA SALUTE AL N. 75180/R

Prodotto: per stampaggio ad iniezione di granuli di metacrilato cristallo, vergine.
Controllo: controllato al microscopio, confezionato sotto cappa a flusso laminare in buste pelabili di carta medicale – politene secondo parametri definiti e procedure scritte.
Sterilizzazione: effettuata a raggi gamma secondo procedure scritte e conformi alle normative vigenti.
Documentazione: Il sistema di gestione è stato sviluppato in accordo alla norma armonizzata EN ISO 13485 2013 e la conformità è certificata dall’organismo notificato CERTIQUALITY srl n°0546 che ne attesta la conformità all’allegato V della Direttiva 93/42/CEE. I lotti di produzione sono marcati CE : certificato 1686/CE001/2



Monotest

Multitest

Test monouso per il dosaggio simultaneo di più allergeni


Dispositivi monouso per test diagnostici

Pastre microtiter

Dispositivo monouso utilizzabile per test diagnostici in vitro in micrometodo.

Impiegate prevalentemente in sierologia consentendo la diluzione dei sieri in esame per la titolazione di antigeni/anticorpi con varie tecniche di laboratorio.
96 Pozzetti Sezione ad U-V a fondo piatto
Minelisa 32 pozzetti fondo piatto

Accessori RIA

Particolari stampati ad iniezione con tecnopolimeri diversi sia in cristallo sia masterizzati. Costituiscono una componente fondamentale per l’esecuzione di una tecnica di assoluta precisione e validità tecnica.

Contenitori minimo sfrido 25/45/70m

Stampati ad iniezione utilizzati nei test diagnostici in vitro.
Dedicati al contenimento di reagenti di particolare valore economico per ridurre al minimo i residui sul fondo e dotato di frangiflutti atti al contenimento dei liquidi nei movimenti di spostamento.

Contenitori e raccordi

Stampati ad iniezione con tecnopolimeri vari risolvono svariati problemi di raccordo tra tuberie, contenitori o strumentazione varia in utilizzo nei laboratori analisi.

Adattatori

Stampati ad iniezione con tecnopolimeri vari consentono l’adattamento di provette/flaconi si diametro diverso su set di servizio tipo i rack in utilizzo nei laboratori analisi computerizzati.

Sample tubes tool



Per la rapida e sicura identificazione
delle provette utilizzabili nei vari test
rilevandone il diametro con semplicità e precisione.

Contenitori tecnici

Per prodotti sterilizzabili (es. valvole cardiache) indeformabili ad alta resistenza e precisione Nella sterilizzazione ad ossido di etilene consentono il passaggio del gas, ma non dell’aria.

Holder

Stampati ad iniezione progettati in vari modelli per accogliere una valvola cardiaca meccanica/biologica, facilitandone l’impianto evitando potenziale danneggiamento Tra le sue peculiarità l’assoluta precisione.

AVP, Moke up

AVP AVP Stampati ad iniezione costituiscono un sistema di impianto cardio vascolare mininvasivo.
Moke up Peace makerc perfettamente uguale all’impiantabile per consentire al cardiochirurgo una scelta del modello da utilizzare.


Service macchine softetizzate per analisi

Rack portareagenti di vari tipi misure e portata reagenti

Stampati ad iniezione, utilizzati per il trasporto dei reagenti necessari al sistema computerizzato di diagnosi-riconoscimento tramite un pin che trasmette il segnale di presenza del rack reagenti identificati poi tramite barcode che consente il prelievo ed il corretto dosaggio per l’ esecuzione del test. Il rack consente l’alloggiamento dei tappi delle provette.

Cassetta per l’assemblaggio automatizzato di kit diagnostici

Risultato di un fondo su cui viene collocato un piano (prodotti con sezioni diverse - circolari o rettangolari) a seconda del flacone da collocare - di un frontalino estraible - di 4 pinze che collocate negli angoli consentono il prelievo del fondo una volta popolato dai reagenti.